Il tema dell’efficienza energetica è un settore dove l’Italia ha la leadership tecnologica a livello europeo e mondiale.

La conferma arriva dal  bilancio dell’efficienza energetica che è stato tracciato da Avvenia (www.avvenia.com), leader nel settore della White Economy, che è in grado di  osservare come nel 2014 l’Italia possa aver collocato sulle aste di quote europee di emissione di oltre ben 61 milioni di quote EUA (European Union Allowances), dopo aver ricavato  oltre 361 milioni di euro.

Classi Efficienza Energetica

Classi Efficienza Energetica

Le aste in questione  sono un utile meccanismo di assegnazione delle quote di emissione valide per poter adempiere agli obblighi EU ETS (European Union Emissions Trading Scheme), un sistema davvero molto utile per lo scambio di quote di emissione di gas serra che è finalizzato alla riduzione delle emissioni di CO2 proprio nei settori energivori, ovvero una parte integrante del Pacchetto Clima-Energia, la strategia comune europea che ha posto in stretta connubio l’efficienza energetica e le emissioni di gas ad effetto serra.

La  posizione dell’Italia in questo contesto corrisponde a ben oltre 61 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti, che formano il 13,11% delle risorse che sono state generate dalle aste di quote EUA nel 2014.

Stiamo parlando di un’ottima performance dell’Italia che, secondo gli analisti di Avvenia (www.avvenia.com), dovrà continuare a poter investire in merito all’efficienza energetica per poter raggiungere gli obiettivi al 2020.

“Il nostro Paese ha conosciuto uno sviluppo considerevole e costante nel tempo dell’efficientamento energetico, il che non implica solo ridurre i costi e quindi una maggiore competitività delle imprese, ma anche rilanciare l’intera economia nazionale”, puntualizza l’ingegnere Giovanni Campaniello, colui che è il fondatore e amministratore unico di Avvenia.

Senza mai dimenticare che l’efficienza energetica è fondamentale sul piano ambientale per conseguire la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra e la lotta ai cambiamenti climatici.

Commenti

commenti