Il decreto Milleproroghe per le rinnovabili aziende agricole

Solar Project, tutta l'energia che ti serve!

Milleproroghe

Il 5 gennaio del 2015, il decreto Milleproroghe è giunto alla Camera dei Deputati, dove poi prenderà il via il proprio iter di conversione in legge, il DL Milleproroghe n. 192/2014, che è stato approvato dal Consiglio dei ministri alla vigilia di Natale e quindi pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre

Tra le tantissime novità che dovrebbe introdurre la più importante riguarda il settore delle rinnovabili, ovvero l’articolo 12, che prevede per il 2015 la tassazione in materia di agroenergie, dopo aver fatto slittare in avanti di un anno le novità che sono state introdotte dal DL Irpef n. 66/2014.

Nell’anno odierno la produzione di energia elettrica e termica da biogas e biomasse fino a 2.400 MWh/anno corrisponde a una potenza di 300 kW, e da fotovoltaico fino a 260 MWh/anno, per una potenza di 200 kWp, che sono state effettuate dagli imprenditori agricoli le quali continueranno ad essere considerate reddito agrario.

Milleproroghe

Milleproroghe

E’ ampiamente soddisfatta la Confagricoltura che, in una nota, vuole ricordare come il prelievo fiscale sarà limitato solo ai corrispettivi della vendita dell’energia. “Ora occorrerà intervenire in fase di conversione in legge del decreto Milleproroghe per stabilizzare il regime di tassazione. Occorre dare certezze ad un settore che solo nel biogas ha investito circa 4 miliardi di euro negli ultimi quattro anni, creando oltre 10.000 posti di lavoro.”.

Nel DL Milleproroghe n. 192/2014 sono presenti anche altre norme che parlano di energia l’articolo 10, comma 2, proroga al 31 dicembre 2015 ovvero l’attuale tassazione in materia di cogenerazione.

Allo stesso articolo 10, comma 9, viene poi reso disattivo l’aumento delle accise in merito ai carburanti che poi dovrebbero scattare in merito alla clausola di salvaguardia prevista nel DL del 2013 per la cancellazione dell’Imu.

Il Ddl di conversione del decreto, che poi ha assunto il numero A.C. 2803, è stato quindi assegnato in sede referente alle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio.

 

Call Now ButtonChiama ora